Posso prelevare anticipatamente i soldi dal mio piano pensionistico?

tempo di emissione: 2022-09-19

Sì, puoi prelevare anticipatamente i soldi dal tuo piano pensionistico.Tuttavia, ci sono alcune cose da tenere a mente prima di farlo.Innanzitutto, dovrai essere sicuro di essere idoneo a farlo.In secondo luogo, assicurati che la quantità di denaro che prendi sia adeguata alla tua situazione e al tuo budget.Infine, tieni presente che prelevare anticipatamente denaro dal tuo piano pensionistico può avere conseguenze fiscali.Diamo un'occhiata più da vicino a ciascuno di questi punti.

In primo luogo, l'idoneità è importante.Devi avere più di 55 anni e avere almeno 10 anni di contributi (o 5 anni se hai più di 50 anni) sul tuo conto per poter prelevare fondi senza penali.Inoltre, il prelievo non può superare l'importo del contributo originale più i guadagni su tali contributi (più eventuali contributi aggiuntivi versati durante il periodo).

In secondo luogo, è importante capire quanti soldi puoi prelevare senza penali e quale impatto potrebbe avere sulle tue tasse.L'IRS limita i prelievi annuali dai piani 401 (k) e da altri conti pensionistici sponsorizzati dal datore di lavoro a $ 18.000 per le persone di età pari o superiore a 55 anni a partire dal 2019 ($ 24.000 per le persone di età pari o superiore a 50 anni). Se sei sposato e se entrambi i coniugi hanno 55 anni o più o se uno dei coniugi ha 50 anni o più ma l'altro non ha ancora 55 anni, il limite totale sale rispettivamente a $ 36.000/$ 54.000.Questi importi si applicano indipendentemente dal fatto che tu abbia raggiunto il 100% di deposito sul tuo conto (il che significa che tutti i contributi richiesti sono stati versati). Tieni presente che questi limiti in dollari non includono i guadagni sugli investimenti all'interno dei piani 401 (k), solo i prelievi di contanti effettivi dal saldo del conto direttamente sul tuo conto bancario o conto PayPal. (Per ulteriori informazioni sulle regole di prelievo IRA, consulta Prelievi IRA.)

Infine, potrebbero esserci conseguenze fiscali associate al prelievo anticipato di fondi da un piano pensionistico, anche se tutto procede secondo i piani!Ad esempio: se stai prelevando denaro prima di raggiungere l'età pensionabile completa (FRA), è probabile che parte di quel reddito sarà tassato come reddito ordinario anziché come dividendi qualificati o distribuzioni di plusvalenze che normalmente sarebbero tassate a aliquote inferiori.. Allo stesso modo se stai prelevando denaro prima di raggiungere i 70 anni e mezzo, è probabile che parte di quel reddito rientri anche nelle norme fiscali federali della previdenza sociale anziché in quelle fiscali di Medicare. (Per ulteriori informazioni sulle tasse quando si ritira da un piano pensionistico, vedere Tasse Considerazioni quando si prelevano soldi da un piano pensionistico.

Quanto posso prelevare dal mio piano pensionistico?

Puoi prelevare denaro dal tuo piano pensionistico fintanto che sei ancora impiegato e hai almeno un anno di servizio residuo.L'importo massimo che puoi prelevare ogni anno è di $ 18.000.Se hai più di 50 anni, il limite viene aumentato a $ 24.000.Devi anche pagare le imposte sul reddito sul denaro prelevato, quindi assicurati di consultare un consulente fiscale prima di effettuare qualsiasi prelievo.

Quali sono le sanzioni per il recesso anticipato dal piano pensionistico?

I piani pensionistici sono progettati per aiutarti a risparmiare per il tuo futuro.Tuttavia, ci sono sanzioni per il prelievo di denaro da un piano pensionistico prima dei 59 anni e mezzo.La sanzione più comune è una penale di recesso anticipato del 10% sull'importo prelevato, più eventuali imposte sul reddito dovute.Ci sono anche altre sanzioni, come una penalità di distribuzione anticipata se prelevi denaro prima dei 55 anni e mezzo o se ritiri più di $ 10.000 in un anno.Per evitare queste sanzioni, è importante capire come funzionano e quando si applicano.

È meglio prendere una somma forfettaria o pagamenti periodici dal mio piano pensionistico?

Quando si tratta di prelevare denaro dal piano pensionistico, ci sono vantaggi e svantaggi sia per la somma forfettaria che per i pagamenti periodici.Diamo un'occhiata più da vicino a ciascuna opzione:

Somma forfettaria

Il più grande vantaggio di un pagamento forfettario è che otterrai l'intero importo tutto in una volta.Questo può essere utile se vuoi utilizzare il denaro subito o se sei preoccupato di avere abbastanza liquidità nel tuo conto pensionistico.Anche i pagamenti forfettari tendono ad essere esentasse, il che può farti risparmiare denaro sulle imposte sul reddito complessive.

Sul lato negativo, i pagamenti forfettari possono essere piuttosto costosi, soprattutto se li prendi da un piano pensionistico ad alto rendimento come un IRA o 401 (k).E poiché sono tutti prelievi di contanti, potrebbero non essere flessibili quanto i pagamenti periodici quando si tratta di adeguare il budget o gli obiettivi di vita lungo la strada.Infine, le somme forfettarie spesso richiedono più scartoffie rispetto ai pagamenti periodici, quindi assicurati di consultare un contabile o un consulente finanziario prima di prendere qualsiasi decisione.

Pagamenti periodici dal piano pensionistico

Un grande vantaggio dei pagamenti periodici dal tuo piano pensionistico è che tendono ad essere meno costosi delle somme forfettarie.Questo perché la maggior parte dei piani consente ai partecipanti di distribuire i propri contributi su diversi anni (o addirittura decenni), riducendo il costo totale del pagamento.Inoltre, molti piani offrono funzionalità bonus come l'interesse composto e la protezione dall'inflazione per coloro che versano contributi regolari nel tempo.

Inoltre, i pagamenti periodici sono generalmente fiscali differiti, il che significa che non dovrai pagare le tasse su di essi fino a quando non li ritirerai più avanti nella vita.Ciò significa che potrebbero potenzialmente aiutare a ridurre il reddito imponibile complessivo durante gli anni di pensionamento.Tuttavia, un potenziale aspetto negativo di questo approccio è che il ritiro graduale dei fondi può comportare assegni più piccoli rispetto a quando si prelevano tutti i soldi in una volta, soprattutto se l'inflazione è stata relativamente bassa nel tempo (cosa che potrebbe verificarsi con periodi più lunghi di bassa disoccupazione).

In che modo il prelievo di denaro dal mio piano pensionistico influirà sulle mie tasse?

Se hai più di 59 anni e mezzo e hai un piano pensionistico dal tuo datore di lavoro, puoi generalmente prelevare denaro dal piano senza penali.L'IRS considera questa una "distribuzione qualificata".Ciò significa che non dovrai pagare le imposte sul reddito sulla distribuzione, a condizione che vengano prelevate prima del raggiungimento della normale età pensionabile (definita dal tuo datore di lavoro). Tuttavia, se prendi troppi soldi dal tuo piano pensionistico in un anno, potresti dover pagare le tasse sul reddito su quell'importo.Inoltre, se prelevi più di $ 10.000 dal tuo conto pensionistico in un anno, sarai anche soggetto a un'imposta aggiuntiva del 10% su tale importo.Infine, se il tuo prelievo comporta una diminuzione del valore del tuo conto pensionistico al di sotto del suo saldo originale, potresti dover pagare una sanzione nota come "imposta sul reddito sulle distribuzioni anticipate".

Ci sono alcune eccezioni a queste regole.Non puoi prelevare denaro da un'IRA tradizionale o da un'IRA Roth fino a quando non avrai raggiunto l'età di 70 anni e mezzo. Inoltre, non puoi prelevare denaro da un piano pensionistico per dipendenti a meno che non venga convertito in un conto individuale 401 (k) o 403 (b) entro cinque anni dalla fine del rapporto di lavoro.Infine, qualsiasi distribuzione effettuata per invalidità deve essere trattata come una distribuzione qualificata ai fini della tassazione.

Devo prelevare soldi dal mio piano pensionistico per ripagare il debito?

Quando vai in pensione, potresti avere una serie di spese che vuoi ripagare.Tuttavia, se prendi denaro dal tuo piano pensionistico per farlo, potresti ridurre la quantità di denaro disponibile quando ne hai più bisogno.

Ci sono pro e contro nel prelevare denaro dal tuo piano pensionistico per ripagare il debito.Il vantaggio principale è che ti farà risparmiare denaro a breve termine.D'altra parte, se si presenta una spesa inaspettata e non puoi permetterti di ripagarla con ciò che hai risparmiato dal tuo conto pensionistico, avere meno disponibilità potrebbe significare non essere in grado di coprire affatto quei costi.

In definitiva, la decisione se prelevare o meno denaro dal tuo conto pensionistico per il rimborso del debito dipende da una varietà di fattori specifici di ogni singola situazione.Se c'è qualcosa di importante che deve essere ripagato subito e prendere in prestito non è un'opzione, l'utilizzo dei fondi pensione potrebbe essere l'opzione migliore per risparmiare sia ora che in futuro.

Cosa succede al mio piano pensionistico se muoio?

Se muori, il tuo piano pensionistico sarà distribuito secondo i termini del piano.Se ci sono beneficiari, riceveranno il saldo del conto come se tu fossi morto subito dopo aver contribuito al piano.Se non ci sono beneficiari, il saldo del conto verrà distribuito al tuo patrimonio o trust.La distribuzione può essere imponibile a seconda di quanto denaro è sul conto al momento del decesso.

Posso prendere in prestito contro il mio piano pensionistico?

Puoi prelevare soldi dal tuo piano pensionistico?

Sì, puoi prelevare fondi dal tuo conto pensionistico in qualsiasi momento, con documentazione adeguata e un motivo valido.Tuttavia, ci sono sanzioni per il ritiro anticipato, quindi assicurati di valutare attentamente i pro e i contro prima di prendere una decisione.

Esistono due tipi principali di piani pensionistici: tradizionale e Roth IRA.Con un'IRA tradizionale, paghi le tasse sui contributi che guadagni in anticipo (prima di andare in pensione), ma i guadagni sul conto sono esentasse quando vengono ritirati dopo aver raggiunto l'età di 59 anni e mezzo.Con un Roth IRA, d'altra parte, tutti i contributi vengono versati al netto delle tasse (il che significa che non dovrai pagare le tasse su di loro quando ritirati). Anche i guadagni in un Roth IRA rimangono esentasse fintanto che vengono utilizzati per finanziare spese qualificate come l'istruzione o l'acquisto di una casa.

Se decidi di convertire il tuo IRA tradizionale in un IRA Roth, tieni presente che è prevista una sanzione IRS per farlo se il tuo reddito lordo rettificato (MAGI) modificato supera $ 100.000 ($ 110.000 se si presenta congiuntamente). Se ciò accade e non hai un'altra fonte di finanziamento disponibile per coprire i costi di conversione (incluso il reddito guadagnato in attesa dell'approvazione), il tuo intero conto verrà liquidato e convertito in contanti, senza alcuna possibilità di recuperarlo!

Quindi, se prelevare fondi dal tuo piano pensionistico è giusto per te dipende in gran parte da quanti soldi hai bisogno ora rispetto a quanti soldi potresti aver bisogno in futuro.Se possibile, cerca di lasciare abbastanza soldi sul tuo conto in modo che prelevare qualsiasi importo possa causare solo modeste difficoltà finanziarie, soprattutto se significa lasciare più denaro disponibile per un uso futuro.

Come posso incassare il mio piano pensionistico?

Se hai più di 59 anni e mezzo, puoi prelevare denaro dal tuo piano pensionistico senza penali.Devi prima prendere la distribuzione minima richiesta (RMD) e poi ritirare i fondi rimanenti.Per ulteriori informazioni, consultare la pubblicazione IRS 590-B.

Se hai meno di 59 anni e mezzo, in genere non puoi prelevare denaro dal tuo piano pensionistico fino a quando non raggiungi l'età di 70 anni e mezzo.Tuttavia, ci sono alcune eccezioni a questa regola.Potresti essere in grado di effettuare un prelievo se:

Sei in pensione da almeno 10 anni;

Il tuo datore di lavoro corrisponde in tutto o in parte ai tuoi contributi; o

Hai raggiunto l'età pensionabile della Social Security e hai versato nel sistema di sicurezza sociale per almeno 10 anni.Se una di queste condizioni non è soddisfatta, potresti comunque essere in grado di prelevare se soddisfi determinati altri requisiti come essere in buona posizione finanziaria e non avere prestiti in sospeso dal tuo conto pensionistico.Si prega di consultare un commercialista o un professionista fiscale per ulteriori informazioni su queste regole.

Quali sono le tasse associate al recesso da un piano pensionistico?

Quando vai in pensione, è importante pensare a come otterrai i tuoi soldi.Potresti voler prelevare una parte dei tuoi risparmi per la pensione e usarli ora, oppure potresti voler lasciare i soldi nel piano in modo che possano crescere nel tempo.

Ci sono alcune cose da tenere a mente quando decidi se prelevare o meno denaro dal tuo piano pensionistico: tasse, tasse e inflazione.Ecco alcune cose che devi sapere sulle commissioni associate al ritiro da un piano pensionistico:

  1. Di solito ci sono commissioni associate al prelievo di fondi da un conto pensionistico.Queste commissioni possono variare dal 25% fino al 10%.
  2. La commissione si basa sull'importo prelevato, non sull'entità del prelievo.Quindi, se prelevi $ 10.000 dal tuo account 401k, verrà addebitata una commissione di $ 100 anche se in realtà sono stati prelevati solo $ 9000 di fondi.
  3. Se hai meno di 59 anni e mezzo quando effettui il prelievo, non viene addebitata alcuna commissione (a meno che l'account non sia stato inattivo per più di 60 giorni). Tuttavia, se hai più di 59 anni e mezzo e effettui il prelievo prima dei 70 anni e mezzo ci sarà una penale di prelievo anticipato del 10% dell'importo prelevato più le imposte sul reddito su tale importo, nonché qualsiasi guadagno su quei fondi fino a quando non raggiungono il loro valore originale (supponendo che non siano stati utilizzati).