Puoi continuare a lavorare dopo il pensionamento e continuare a ricevere le prestazioni di sicurezza sociale?

tempo di emissione: 2022-09-20

Non esiste una risposta valida per tutti a questa domanda, poiché la risposta dipenderà dalla tua situazione individuale.Tuttavia, in generale, puoi continuare a lavorare dopo il pensionamento e continuare a ricevere prestazioni di sicurezza sociale se soddisfi determinati requisiti di ammissibilità.

Innanzitutto, devi essere in grado di svolgere fisicamente i compiti del tuo lavoro.Ciò significa che devi essere in grado di camminare, stare in piedi e sollevare oggetti pesanti come richiesto dalla tua posizione.Se non sei in grado di svolgere questi compiti di base a causa di una disabilità fisica, la sicurezza sociale potrebbe non essere in grado di considerare il tuo impiego continuato nel determinare se sei idoneo o meno per i benefici.

Inoltre, la sicurezza sociale considera da quanto tempo sei stato impiegato al fine di determinare la tua ammissibilità ai benefici.Se hai lavorato meno di 20 anni da quando hai raggiunto l'età pensionabile (o l'età pensionabile completa), la sicurezza sociale potrebbe non essere in grado di fornire un reddito sufficiente in pensione in base alla sua formula attuale.In questi casi, è possibile che i funzionari della previdenza sociale consentano a qualcuno che è andato in pensione ma continua a lavorare a tempo parziale o riceva sporadicamente prestazioni ridotte in cambio del mantenimento dei contributi oltre la normale età pensionabile.

Tuttavia, ci sono molte eccezioni e sfumature che possono influenzare il caso specifico di un individuo, quindi è importante che parli con un avvocato esperto della sicurezza sociale se stanno pensando di lavorare dopo il pensionamento.

In che modo la pensione e la previdenza sociale si influenzano a vicenda?

Quando vai in pensione, potresti non essere più in grado di lavorare a tempo pieno.Tuttavia, se hai diritto alla previdenza sociale, il tuo sussidio mensile continuerà comunque anche se non puoi lavorare.Per poter beneficiare della sicurezza sociale, devi aver lavorato per almeno 10 anni in un lavoro che ha pagato almeno $ 1.320 al mese.Se sei andato in pensione e hai smesso di lavorare, i tuoi benefici saranno ridotti in base al numero di anni di servizio accreditato che avevi quando sei andato in pensione.

Se il tuo reddito è al di sotto della soglia di povertà o se il tuo reddito totale è inferiore alla metà del reddito medio di una famiglia di dimensioni simili alla tua nella zona in cui vivi, una parte del tuo sussidio di sicurezza sociale può anche essere esente dalle tasse federali.

In generale, è importante ricordare che le prestazioni di previdenza sociale non sono imponibili fino a quando non sono effettivamente percepite dal soggetto che ne fa richiesta.Ciò significa che se si decide di smettere di lavorare prima del pensionamento in modo da poter ricevere le prestazioni di sicurezza sociale il prima possibile dopo il pensionamento, il denaro che è stato risparmiato su un conto designato a fini pensionistici può ancora essere soggetto a imposte federali quando è ritirato in seguito.

Ci sono alcune eccezioni a questa regola: in primo luogo, le prestazioni di previdenza sociale possono essere già tassabili quando vengono erogate anche se la persona che le riceve non ha ancora un debito d'imposta (ad esempio perché il suo reddito era troppo basso). In secondo luogo, si applicano alcune regole speciali ai pagamenti forfettari effettuati da una pensione o da un contratto di rendita (vedi pubblicazione IRS 969), che di solito comportano l'immediata tassazione anche se potrebbe esserci ancora un certo ritardo tra il momento in cui viene effettuato il pagamento e quando diventa disponibile per il destinatario.Infine, i pagamenti dell'assicurazione per l'invalidità della previdenza sociale (SSDI) generalmente diventano immediatamente tassabili una volta ricevuti da un individuo indipendentemente dal fatto che abbia altre fonti di reddito o che abbia presentato dichiarazioni dei redditi negli ultimi anni.

Devi smettere di lavorare completamente per ricevere i benefici della previdenza sociale?

Sì, puoi comunque ricevere le prestazioni di sicurezza sociale se smetti completamente di lavorare.Tuttavia, se hai lavorato per almeno 10 anni in totale e hai pagato le tasse di previdenza sociale sul tuo intero reddito, potresti essere in grado di ottenere prestazioni ridotte.Dovrai anche soddisfare altri requisiti, come avere almeno 62 anni e avere un reddito basso.Per ulteriori informazioni, contattare la Social Security Administration (SSA) o visitare il loro sito Web.

Quali sono le implicazioni del lavoro dopo l'età pensionabile?

Ci sono alcune cose da tenere a mente se decidi di lavorare dopo il pensionamento.In primo luogo, dovrai assicurarti che le tue prestazioni di sicurezza sociale siano ancora disponibili per te.In secondo luogo, potrebbe essere necessario modificare le opzioni del piano pensionistico affinché il lavoro sia finanziariamente fattibile.Infine, è importante considerare il potenziale impatto del lavoro sulla salute e sul benessere generale. Lavorare dopo il pensionamento può avere una serie di implicazioni sia per i benefici della previdenza sociale che per la stabilità finanziaria.Per garantire che i tuoi assegni di previdenza sociale continuino ad arrivare come programmato, è importante rivedere le tue opzioni di reddito da pensione e apportare le modifiche necessarie.Se il lavoro diventa un'opzione, assicurati di tenere conto di come l'adeguamento dei tuoi risparmi per la pensione potrebbe influenzare le prospettive di reddito future.Inoltre, è importante non trascurare la nostra salute fisica mentre perseguiamo nuove opportunità più avanti nella vita: continuare un'attività vigorosa può aiutare a preservare la funzione cognitiva e ridurre il rischio di sviluppare demenza o altre condizioni croniche lungo la strada. Ci sono pro e contro associati al lavoro dopo il pensionamento – ma alla fine la decisione si riduce a ciò che ti sembra giusto per te individualmente.È sempre una buona idea parlare con un consulente di ciò che potrebbe essere meglio per te prima di prendere qualsiasi decisione, soprattutto se si tratta di qualcosa di nuovo per te!Puoi lavorare dopo la pensione e continuare a ricevere la previdenza sociale?

Se qualcuno va in pensione all'età di 65 anni o più, generalmente sono concessi tutti i benefici della previdenza sociale anche se iniziano a lavorare dopo l'età del pensionamento completo (FRA). La FRA sta aumentando gradualmente dai 66 anni fino al 2022, quando raggiungerà i 67 anni Per la maggior parte delle persone che vanno in pensione a 65 anni o più non c'è alcun motivo pratico per cui non possano continuare a lavorare oltre la loro FRA, a condizione che il loro lavoro non riduca in modo significativo il loro pagamenti di sussidi al di sotto del livello di copertura precedente secondo le regole tradizionali della previdenza sociale che richiedono guadagni medi una vita superiore a $ 16.920 all'anno (per i nati tra il 1943 e il 1954) o $ 22.720 all'anno (per i nati tra il 1955 e il 1964). Tuttavia, se il proprio obiettivo principale è quello di ottenere il massimo beneficio di previdenza sociale possibile, continuare a lavorare oltre il proprio FRA comporterebbe probabilmente un pagamento inferiore all'intero sussidio poiché i salari al di sopra di questi livelli vengono conteggiati solo in parte per i guadagni medi di una vita utilizzati nel calcolo dei benefici mensili secondo le regole attuali ..

Primo: rivedere le opzioni di reddito pensionistico

Se continuare a lavorare dopo il pensionamento significa sacrificare un po' di soldi ora attraverso assegni di previdenza sociale mensili ridotti, allora fallo con tutti i mezzi purché ciò non metta troppo stress sulle finanze in generale poiché c'è un sacco di tempo rimasto prima che i benefici completi smettano di essere pagati del tutto (il pensionamento dura in media circa 20 anni). D'altra parte, guadagnare un reddito aggiuntivo oltre a quanto precedentemente percepito tramite i piani pensionistici tradizionali può anche fornire un sollievo finanziario durante questo periodo di transizione, fornendo anche un'assicurazione aggiuntiva contro la povertà in un secondo momento qualora le circostanze dovessero uscire prematuramente dalla copertura pensionistica tradizionale o esaurirsi denaro interamente dovuto a bassi rendimenti dell'investimento ecc. In generale, tuttavia, ci sono pro e contro associati a entrambe le strade che dipendono in gran parte dalle circostanze individuali come le attuali scelte di stile di vita fatte prima del pensionamento ecc.

Secondo: assicurati che i tuoi vantaggi siano ancora disponibili

Affinché chiunque abbia più di 65 anni che ricominci a lavorare dopo il pensionamento, lo status quo deve prima assicurarsi che gli assegni preesistenti di sicurezza sociale continuino a essere effettuati nonostante ora abbia un lavoro aggiuntivo; in caso contrario potrebbero essere necessari adeguamenti di pagamento retroattivi che potrebbero comportare sanzioni fiscali e addebiti per interessi insieme a ulteriori riduzioni/cancellazioni di pagamenti mensili SSI/SSP [Reddito da titoli supplementari] già elaborati a quel punto. Questo di solito accade automaticamente una volta che le ritenute del datore di lavoro superano i limiti predeterminati fissati da SSA, tuttavia a volte possono essere ancora richiesti passaggi di verifica, ad esempio il controllo dei moduli W2 / buste paga ecc... . Una volta verificati, tutti i problemi di diritto in corso dovrebbero risolversi in tempi relativamente brevi, sebbene si verifichino occasionali singhiozzi dovuti a errori umani ecc... .

Quali restrizioni sono imposte ai pensionati che desiderano continuare a lavorare?

Quando vai in pensione, le tue prestazioni di previdenza sociale cessano.Ma questo non significa che devi rinunciare del tutto al lavoro.Puoi continuare a lavorare finché il tuo reddito è inferiore al limite stabilito dalla Social Security Administration (SSA).

Per beneficiare dei benefici pensionistici completi, che si basano sui guadagni della tua vita e includono un assegno mensile di $ 2.000, devi guadagnare meno di $ 16.920 all'anno.Se hai 65 anni o più e non lavori da almeno 10 anni, la SSA ti consentirà di guadagnare fino a $ 22.720 all'anno prima di ridurre l'importo del sussidio.

Se stai ancora lavorando dopo aver raggiunto l'età pensionabile, ma guadagni troppi soldi per qualificarti per i benefici completi della previdenza sociale, ci sono altre opzioni disponibili per aiutarti a mantenerti.Il tipo più comune di beneficio è chiamato Old-Age Survivor Benefit (OASB). Ciò fornisce un assegno mensile pari al 50% della retribuzione annuale indicizzata media (AIAE) del lavoratore in pensione nei 12 mesi precedenti il ​​pensionamento.Ad esempio, se qualcuno va in pensione all'età di 70 anni con un AIAE di $ 20.000 all'anno e riceve un OASB di $ 10.000 al mese a partire dall'età di 75 anni, il suo assegno mensile sarebbe di $ 1.500.

Questo tipo di beneficio viene solitamente ridotto se il tuo reddito sale al di sopra di determinati livelli; tuttavia non si ferma mai del tutto.E a differenza delle normali prestazioni della previdenza sociale che aumentano con i tassi inflazionistici*, un pagamento OASB rimane invariato indipendentemente dall'aumento dei prezzi nel tempo.*

Ci sono anche diversi tipi di prestazioni di invalidità disponibili al momento del pensionamento.Questi includono il reddito di sicurezza supplementare (SSI), che fornisce pagamenti di assistenza in contanti in base alle esigenze finanziarie; Assicurazione per l'invalidità (DI), che paga una percentuale del salario in caso di invalidità; e Retirement Insurance (RI), che sostituisce parte o tutto il tuo stipendio quando vai in pensione perché non hai più crediti di lavoro pagati da lavori precedenti.*

Quindi, se continuare a lavorare dopo il pensionamento è giusto per te dipende da molti fattori, tra cui quanti soldi guadagni attualmente e che tipo di piani pensionistici hai scelto.* Tuttavia, qualunque decisione tu prenda sul lavoro dopo il pensionamento dovrebbe essere presa con attenzione: ci sono importanti restrizioni imposte ai pensionati che desiderano continuare a lavorare per legge*.

È possibile fruire delle prestazioni previdenziali pur continuando a lavorare part-time?

Sì, è possibile continuare a lavorare part-time e continuare a percepire le prestazioni previdenziali.La previdenza sociale fornisce un'indennità mensile basata sul tuo record di lavoro e sul numero di anni di lavoro.Puoi calcolare la tua indennità utilizzando lo strumento per la stima del pensionamento online della Social Security Administration.

Per continuare a ricevere tutte le prestazioni di previdenza sociale, è necessario soddisfare determinati requisiti, tra cui essere celibe, non rivendicare alcun altro reddito ed essere un cittadino statunitense o uno straniero residente che ha vissuto negli Stati Uniti per almeno 10 anni prima della data di richiesta.Inoltre, devi essere in grado di svolgere le attività di base della vita quotidiana (bagno, vestirsi, mangiare) senza assistenza.Se non sei in grado di svolgere queste attività a causa di una menomazione fisica o mentale iniziata dopo il compimento dei 65 anni, la sicurezza sociale può fornire ulteriori benefici basati su tale menomazione.

Se decidi di continuare a lavorare dopo il pensionamento dal lavoro a tempo pieno, assicurati che il tuo orario rientri nei limiti previsti dalla previdenza sociale per non perdere alcun beneficio.Ad esempio, se lavori 30 ore a settimana ma desideri continuare a ricevere tutti i sussidi di previdenza sociale fintanto che i tuoi guadagni medi negli ultimi tre anni sono inferiori a $ 1632 al mese ($ 2288 all'anno), allora dovresti guadagnare meno di $ 1440 al mese ($ 1824 all'anno).

Ci sono anche alcune restrizioni sulla quantità di denaro che puoi guadagnare mentre usufruisci delle prestazioni di sicurezza sociale: il tuo reddito annuo totale non può superare $ 34000 se hai 62 anni o più; $ 44000 se hai un'età compresa tra 50 e 59 anni; o $ 52000 se hai un'età compresa tra 40 e 49 anni.Questi limiti aumentano gradualmente con ogni fascia di età fino a raggiungere $ 67600 per le persone di età pari o superiore a 80 anni nel 2018.

In che modo il lavoro dopo il pensionamento inciderebbe sui pagamenti della previdenza sociale?

Lavorare dopo il pensionamento può avere una serie di impatti sui pagamenti della previdenza sociale.Ad esempio, se si lavora ricevendo prestazioni di sicurezza sociale, la loro rata mensile potrebbe essere ridotta.Inoltre, se si va in pensione prima del raggiungimento dell'età del pensionamento completo (FRA), è possibile che non ricevano alcun beneficio di sicurezza sociale.Se lavorare dopo il pensionamento significa rinunciare del tutto ai benefici della previdenza sociale, è importante valutare attentamente i pro ei contro prima di prendere una decisione.

Ci sono anche alcune cose che i pensionati possono fare per massimizzare il loro reddito di previdenza sociale anche se lavorano dopo il pensionamento.Ad esempio, sfruttando le regole di richiesta anticipata o aumentando il reddito annuo attraverso attività secondarie o lavoro autonomo.In definitiva, ogni individuo dovrà decidere cosa è meglio per sé in base alla propria situazione e alle proprie esigenze.Tuttavia, comprendere i potenziali impatti del lavoro dopo il pensionamento sui pagamenti della previdenza sociale può aiutare a semplificare tale decisione.

I pensionati possono ricevere tutte le prestazioni di sicurezza sociale se scelgono di tornare al lavoro?

La pensione può essere un momento di riposo e relax, ma non è sempre facile adattarsi a un nuovo stile di vita.Per alcuni pensionati, il richiamo di tornare al lavoro può essere troppo forte.Possono ancora ricevere tutte le prestazioni di sicurezza sociale se scelgono di farlo?

La risposta breve è sì, puoi ricevere tutte le prestazioni di sicurezza sociale se torni al lavoro dopo il pensionamento.Tuttavia, ci sono alcune cose che devi tenere a mente.In primo luogo, il tuo sussidio di previdenza sociale sarà ridotto di qualsiasi reddito che guadagni mentre lavori.In secondo luogo, potrebbe essere necessario attendere diversi anni prima di ricevere l'assegno sociale completo.Infine, ci sono alcune restrizioni che si applicano a seconda della tua età e di altri fattori.Se stai pensando di tornare al lavoro dopo il pensionamento, è importante parlare con un esperto delle tue opzioni in modo da sapere cosa hai a disposizione e come sfruttarlo al meglio.

Qual è la differenza tra la ricezione di prestazioni previdenziali parziali e complete dopo il pensionamento?

Se stai ricevendo prestazioni di sicurezza sociale, la pensione non significa la fine dei tuoi contributi.Puoi continuare a versare contributi anche dopo il pensionamento.Tuttavia, se smetti di versare i contributi prima della tua età pensionabile completa (FRA), potresti ricevere solo un'indennità parziale.Se smetti di versare contributi dopo il tuo FRA, non riceverai più alcun beneficio di sicurezza sociale.

L'importo delle prestazioni di sicurezza sociale che ricevi dipende da quanto denaro hai contribuito mentre lavoravi e da quando raggiungi l'età pensionabile.Più soldi hai contribuito, più reddito che la Social Security ti darà ogni mese durante gli anni della pensione.

Se sono trascorsi almeno 10 anni dalla tua età di pensionamento completo o se si è verificato il decesso, a seconda di quale data è successiva, la Social Security inizia a contare il tempo dalla data di nascita anziché dalla data in cui è stato versato il tuo primo contributo.Ciò significa che se qualcuno va in pensione all'età di 70 anni dopo aver lavorato per 38 anni e aver pagato $ 1400 in totale in tasse di previdenza sociale in quei 38 anni (supponendo un interesse del 6%), il suo beneficio mensile sarebbe di circa $ 1.200 ($ 1400 x 12).

È importante notare che ci sono alcune eccezioni a queste regole: se un individuo diventa disabile prima di raggiungere l'età pensionabile completa o muore prima di raggiungerla; se un individuo guadagna meno di $ 1040 al mese per tutta la sua vita; o se un individuo riceve un reddito di sicurezza supplementare (SSI) perché non può lavorare a causa di una disabilità..

Dopo il ritiro dal lavoro, è importante tenere a mente che tipo di prestazioni di sicurezza sociale attendono i pensionati in base a quanto denaro hanno versato nel sistema mentre lavoravano e se hanno diritto a qualsiasi altra assistenza governativa, oltre ai buoni pasto o Medicaid una volta in pensione.

In che modo la quantità di denaro guadagnata dopo il pensionamento influisce sull'idoneità alla sicurezza sociale?

Non c'è una risposta a questa domanda in quanto dipende dalle circostanze individuali di una persona.Tuttavia, in generale, se lavori ancora dopo il pensionamento, il tuo reddito probabilmente influirà sulla tua idoneità alla sicurezza sociale.

Innanzitutto, le prestazioni di sicurezza sociale si basano sui guadagni totali della tua vita.Ciò significa che se hai lavorato durante gli anni della pensione, i pagamenti mensili delle indennità potrebbero essere ridotti a causa del reddito aggiuntivo che porti.D'altra parte, se sei in pensione da molto tempo e ricevi sussidi di sicurezza sociale solo tramite Medicare o un altro programma governativo, il pagamento del sussidio mensile potrebbe non essere affatto influenzato dall'importo di denaro che guadagni dopo il pensionamento.

Oltre a influenzare la quantità di prestazioni di sicurezza sociale che ricevi ogni mese, guadagnare denaro dopo il pensionamento può anche influenzare il tempo necessario affinché il tuo record di sicurezza sociale mostri "l'età pensionabile completa" (FRA). FRA è l'età in cui una persona è considerata completamente pensionata e non più ammissibile alle prestazioni di sicurezza sociale.Quanto prima si raggiunge la FRA, tanto prima si potrà ricevere la pensione completa.Pertanto, qualsiasi reddito extra guadagnato dopo il pensionamento potrebbe potenzialmente aiutare ad accelerare il processo di raggiungimento della FRA.Tuttavia, ci sono anche alcune limitazioni da considerare quando si pensa di guadagnare di più dopo il pensionamento, vale a dire se farlo avrebbe o meno un impatto su altri aspetti della tua vita come la salute o la mobilità.In definitiva, consultare un consulente finanziario esperto sarebbe il modo migliore per determinare cosa funzionerebbe meglio per te in termini di ammissibilità alla sicurezza sociale e guadagni post-pensionamento.

A che età i pensionati possono iniziare a percepire le prestazioni di sicurezza sociale e quanto durano tali pagamenti?

Quando vai in pensione, potresti non essere più in grado di lavorare a tempo pieno.Ciò non significa che non puoi riscuotere i benefici della previdenza sociale.Infatti, la maggior parte dei pensionati può iniziare a percepire i sussidi già all'età di 62 anni se ha lavorato per almeno 10 anni in passato.E la previdenza sociale pagherà quei benefici fino alla tua morte o al raggiungimento dell'età pensionabile (65 per le donne e 66 per gli uomini).

Tuttavia, ci sono alcune cose importanti da tenere a mente quando si ricevono i pagamenti della previdenza sociale:

- Devi aver pagato nel sistema per tutta la tua vita lavorativa, anche se hai guadagnato solo uno stipendio modesto.Ciò significa che il tuo sussidio mensile si basa su quanto denaro hai contribuito nel corso della tua carriera, non solo sulla quantità di denaro che hai guadagnato durante l'ultimo anno di lavoro.

-Il tuo sussidio mensile è ridotto di qualsiasi reddito che guadagni da altre fonti, comprese pensioni, rendite e sussidi di invalidità della previdenza sociale.

-Se smetti di lavorare prima del raggiungimento dell'età pensionabile, la tua indennità mensile diminuirà gradualmente fino a raggiungere lo zero.Se ciò accade mentre ti restano ancora alcuni mesi nel periodo di calcolo della pensione (il numero di mesi tra il momento in cui smetti di lavorare e quando entra in vigore la tua pensione completa), SSA calcolerà un "pagamento intermedio" che combina parte della tua vecchia pensione con un più piccolo controllo di sicurezza sociale regolare.Tuttavia, se smetti di lavorare dopo aver raggiunto l'età pensionabile ma prima che tutti i tuoi mesi siano stati utilizzati per calcolare il tuo diritto alla pensione (o se muori prima che tutti i tuoi mesi siano esauriti), SSA non effettuerà alcun pagamento per l'ultimo assegno sociale mensile. (Per ulteriori informazioni informazioni sulle prestazioni di previdenza sociale consultare il nostro articolo su come calcolare che tipo di assegno di previdenza sociale attende i pensionati.